sentierini-stròsi

C’erano luoghi inesprimibilmente ameni lungo il torrente: boschetti di acacie, praticelli come quello in fondo al Prà, oltre il doppio anello dei platani, un margine d’erba più basso del prato comunale, quasi al livello del torrente.
… era uno di quei luoghi perfetti che si trovano nei romanzi di cavalleria; l’erba, l’acqua, la roccia, l’orto misterioso, aerero, e l’alto dirupo alle spalle e la prospettiva dei platani. Invece appena al di là del torrente c’erano i muri e gli orti del paese, le schiene rozze delle case, le viottole dove non passava nessuno, tranne un bambino con la capra. Altri luoghi ho riconosciuto poi nei racconti di cavalleria, a cui davano adito i sentieruoli dietro al castello, luoghi come la Fontanella, il Paraìso, con la polla dell’acqua sorgiva, il muschio e l’ombra pezzata degli alberi.
I dossi dietro al castello erano tutta una rete di sentierini-stròsi, e stròso è avventura. Stròso rimonta contrafforte, scala gobbetta, adduce a pino in cresta; penetra, infrasca disinfrasca; punge con rùsse, consola con primule. Da stròso si rubano pere pome ùe.
chi ze che ròba la ùa spinèla?
La ùa-mericàna, la bromba idropica, l’àmolo acido, il pèrsego che dà nel verdastro e sente di màndola, l’armellino che allega?
Stròso da còrnole, còrnole garbe; stròso da dudole. Nosèlle appena fatte, e nello spiàccico verde le tenere nòse nuove, e le more.
Quale vùto, quele rosse o quele negre?
Quel che vien vien! Quel che vien vien!
Per questi viottoli si ruba, si esplora; viottolo turba, eccita, se ne sbuca correndo a mezzogiorno, si rivede dall’alto il paese, ridendo, con la faccia tutta impiastricciata di more.
Libera nos a Malo, cap 13
Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s